Autopsia virtuale

Questo Studio di balistica forense[1] è stato invitato dalla Formed a Napoli presso Università degli studi “Suor Orsola Benincasa”, Facoltà di Giurisprudenza, alla presentazione della “Virtopsy” – Autopsia Virtuale. Evento condotto da importanti relatori tra cui:

· Prof. Michael Thali dell’Università di Zurigo;

· Prof. Francesco Macri responsabile delle urgenze radiologiche e radiologica forense al Centro Ospedaliero universitario Caremeau – Nimes- Francia;

· Prof. Siobhan Mc Lauglin dell’università di Edimburgo;

·  Prof.ssa Elena Kranioti dell’università di Edimburgo;

·  Prof. Mario Piombino Vilnus dell’ Università Lituania;

·  Dr. Nikos Varelas  Hospital de Martigny Reseau Saint Valais, Svizzera, Chef de Clinique;

All’ importante appuntamento era presente, inoltre, la Procura della Repubblica di Napoli con la presenza dell’Aggiunto Dott. Giuseppe Lucantonio, del Sostituto Dott.essa Anna Frasca e del Sostituto Dott. Francesco Regine. Questo progetto chiamato VIRTOPSY, nasce all’Università di Berna che ha ritenuto possibile proporre un esame  post-mortem  totalmente diverso da quelli “tradizionali” in quanto totalmente non aggressivo. C’è da evidenziare subito che non hanno scoperto attrezzature e macchinari nuovi ma, hanno messo in sinergia attrezzature già in uso e programmate in modo diverso e innovativo.

La Virtopsy si avvale dell’utilizzo della:

· Tomografia computerizzata Multistrato, RM –Scansione  della superficie 3D Fotogrammetria 3D; Multifase Post Mortem Angio -TAC; Biopsia-Imanging Guidata.

Questa sinergia permette di elaborare e creare  una serie di immagini del cadavere.

Esse, quindi, si possono eseguire tante volte quante sono necessarie per una completa valutazione.

I Principali Obiettivi  di “Virtopsy”

• Identificare: sesso, età, lunghezza corporea, peso degli organi, caratteristiche dentarie;

• Documentare: eventuali corpi estranei (proiettili ecc.)

• Individuare la causa (suicidio, omicidio ecc.);

• Ricerca dei segni vitali a carico delle strutture anatomiche lesionate;

• Ricostruzione forense;

• Istruzione \ ricerca.

A seguire alcuni esempi di Virtopsy

 

 

 

 

Ora è il momento di fare commentare al Dott. Francesco Macri (calabrese) Radiologo presso il Policlinico universitario di Nimes, Francia

“All’Istituto di Medicina legale dell’Università di Berna si sta infatti studiando un tipo completamente diverso di autopsia, un esame che non ha bisogno di tecniche invasive spesso vissute in modo angosciante dai parenti delle vittime e dai fedeli di alcune religioni. L’autopsia virtuale o Virtopsia. L’idea è quella di utilizzare tutte le più avanzate tecniche radiologiche come la Tac o la risonanza magnetica per queste indagini post mortem. La prima fase consiste nel sistemare degli adesivi sul corpo come riferimenti per la fotogrammetria del corpo. E’ un robot che da posizioni predefinite scatta queste istantanee. Un’operazione fondamentale che permetterà di integrare tutte le altre immagini prese successivamente.

La seconda fase: lo “scan” ad alta risoluzione della superficie corporea. Ogni più piccolo dettaglio, ferite, lividi, scalfitture, ma anche tatuaggi viene registrato. Come al solito è il robot che rapidamente compie queste operazioni. E’ arrivato il momento della Tac e in questa fase dell’autopsia virtuale, il patologo può decidere che il caso richiede il prelievo di qualche liquido organico. Torna in scena il robot che lasciate le macchine fotografiche, ha montato un ago per la biopsia. Una biopsia che può essere guidata dalle immagini radiologiche della TAC. Fra l’altro non essendoci più il problema di un eccesso di radiazioni, si può ottenere una precisione molto alta. Questi prelievi robotizzati da un lato evitano contaminazioni, sempre possibili nelle normali autopsie, dall’altro eliminano il rischio di infezioni per i medici legali.

Vi sono altri esami che possono essere condotti, se lo specifico caso lo richiede e sono leggermente più invasivi. Ad esempio una angiografia post mortem, un’analisi cioè della rete vascolare per individuare, ad esempio, emorragie interne. Una macchina cuore polmone modificata inietta attraverso l’arteria femorale un liquido di contrasto. La diffusione nella rete vascolare verrà evidenziata dalle radiografie della TAC. Oltre alla TAC il corpo può essere sottoposto, se le circostanze lo richiedono, anche ad una risonanza magnetica”

 

[1] Sandro Lopez in qualità di Direttore scientifico del Corso in Balistica Forense che si è tenuto presso la stessa Università.;

LA LEGALITA’

Sembra in questi tempi, esserci una forza che si agita e si muove per alterare il vecchio ordine naturale delle cose, facendo si che sia in crisi la società. Non è una cosa “bella “ questa, perché significa una alterazione del sistema che possiamo paragonare ad una degenerazione delle cellule del corpo umano che da luogo ai tumori. Questa società è affetta dai tumori ! Sembra difficile riuscire a trovare i segni dell’alba nell’imbrunire, perché ci troviamo veramente in un imbrunire che dura da tanto tempo. Cerchiamo i segni dell’alba sapendo che i segni dell’alba sono proprio nella legalità. La legalità è una cosa importante perché vuole dire rispettare le regole che creano equilibrio e senza equilibrio ci sarebbe il caos. Per questo esistono le leggi scritte. Una buona prova di legalità è quella di assumersi le proprie responsabilità. Le cose non si guadagnano con l’inganno ma con l’impegno. La criminalità è un brutto virus mortale. La mafia è forte ma potremo combatterla rimanendo tutti uniti, non facendoci trascinare nel buio. Dobbiamo guardare il mondo come fanno i difensori della legge, con gli occhi della giustizia. Illegalità non è solo mafia, usura, omicidio, ricatto, ingiustizia, furto, illegalità è anche quella che tutti i giorni vede qualcuno prendere il posto auto di un disabile, non cedere il passo a coloro che sono sulle strisce pedonali, non rispettare le regole sulla raccolta differenziata, maltrattare e abbandonare gli animali, prendere in giro le persone diverse da noi, non aspettare il proprio turno. Sembrano considerazioni elementari che danno però il senso del crimine in tutte le sue sfaccettature. E sino a che ci sono persone che vedono in queste cose “elementari” il senso della legalità, sarà possibile intravedere i segni dell’alba.

Sandro Lopez